Ecco cosa può dirci Darwin sugli alieni

Ecco cosa può dirci Darwin sugli alieni

Il Piano di Evacuazione della Terra
Sensazionale Scoperta in Messico! Trovate in una grotta le “Pietre del Primo Incontro” tra gli Extraterrestri e i Maya
La Bibbia Kolbrin, l’antico testo che può cambiare la storia dell’umanità

Come sarebbe la vita in un remoto sistema stellare? Gli umani lo riconoscerebbero come vita? Una nuova teoria dice di sì, lo faremmo. In effetti, la vita su altri pianeti (o lune, o asteroidi) potrebbe sembrare sorprendentemente simile alla vita sulla Terra, così hanno scritto gli scienziati dell’Università di Oxford in un documento pubblicato sull’International Journal of Astrobiology il 31 ottobre. Questo perché la vita su altri pianeti probabilmente sarebbe soggetta alla selezione naturale, proprio come la vita sulla Terra. E se la vita è soggetta alla selezione naturale, è molto probabile che condivida somiglianze, anche se essa non è basata sul carbonio, per esempio, o codifica le sue istruzioni operative in un modo totalmente diverso dal DNA.

“Gli esseri viventi sono adattati”, ha scritto in un’e-mail a Live Science il coautore dello studio Samuel Levin, un dottorando in zoologia all’Università di Oxford. “Sembra che stiano ‘cercando di fare cose’ come mangiare, sopravvivere, crescere, riprodursi”. L’unico modo per adattarsi, continua Levin, è attraverso la selezione naturale, il processo attraverso cui la variazione ereditaria tra gli individui porta a differenze nel successo e, in definitiva, alla sopravvivenza del migliore. “Tutto ciò che si distinguerà da noi come vita aliena avrà subito una selezione naturale”, ha aggiunto Levin.

Alieni adattati

Considerando la selezione naturale come punto di partenza, Levin e i suoi colleghi si sono chiesti cosa rivela sul possibile aspetto degli alieni. Si tratta di un approccio teorico alla questione, ha detto Levin. Molti astrobiologi usano ciò che viene definito approccio ‘meccanicistico’, osservando come la vita si è evoluta sulla Terra – intorno a condotti vulcanici in profondità – e cercano di applicarlo agli ambienti di pianeti lontani. Le previsioni meccanicistiche hanno i loro punti di forza, ha detto Levin, ma poiché la dimensione campionaria dei pianeti con vita riconosciuta è solo una, è difficile sapere ciò che è unico per la Terra e ciò che sarebbe valido anche nello spazio. Per esempio, gli occhi o strutture simili agli occhi si sono sviluppati indipendentemente circa 40 volte sulla Terra, ma non è chiaro se gli alieni abbiano anche occhi o se la vista sia un senso che esiste solo sulla Terra. ”Previsioni teoriche, come quelle che facciamo, non sono legate ai dettagli della Terra”, ha continuato Levin. “Esistono indipendentemente dal fatto se gli alieni sono fatti di carbonio o silicio, se hanno DNA o ‘XNA’, se respirano ossigeno o azoto, ecc.”

Le previsioni teoriche non possono determinare nulla di specifico sulla somiglianza degli alieni più ad E.T. o al Predator, ma la selezione naturale porta a certi tipi di organismi. Gli alieni che hanno subito una selezione naturale sarebbero “annidati”, ha continuato Levin – loro avrebbero subito trasformazioni di complessità nel tempo, e avrebbero conservato alcune prove di queste transizioni. Sulla Terra, i geni “cooperarono” per formare i genomi, i genomi costruirono le cellule, e le cellule primitive infine si unirono insieme per formare cellule eucariotiche più complesse. (I mitocondri, gli organelli che trasformano l’energia delle cellule eucariotiche, erano un tempo organismi separati che entravano in una relazione reciprocamente vantaggiosa con le loro cellule ospite.) Le cellule si uniscono per formare organismi pluricellulari, e gli organismi pluricellulari spesso cooperano in colonie o società.

Conoscere i vicini

Per illustrare il concetto, Levin e i suoi colleghi hanno inventato un alieno simile a un tubero che hanno chiamato “Octomite”, una creatura complessa composta da entità più piccole che hanno allineato i loro interessi in modo da cooperare, proprio come le cellule del corpo umano lavorano insieme per mantenere una persona in vita. “Siamo soli?” è una delle domande più importanti dell’universo, ha detto Levin, quindi vale la pena riflettere sul tipo di vita che potremmo incontrare se trovassimo E.T. lì fuori. “Su un livello più filosofico, comprendere quali caratteristiche saranno universali alla vita, ovunque esista, sembra profondamente gratificante”, ha continuato. “Il nostro lavoro non può rispondere alla domanda se siamo soli o meno, ma ci dice qualcosa sui nostri “vicini” se non dovessimo essere soli”

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0
EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsEspañol
Inline
Inline