Non conosciamo le nostre origini

Il Messia Alieno del NWO e la Teoria degli Antichi Astronauti

131

Il Messia Alieno del NWO e la Teoria degli Antichi Astronauti

In poche parole si esprime l’ipotesi che la divulgazione progressiva di informazioni sugli Antichi Alieni sia un operazione partita 50 anni fa e pilotata dalle Elite Massoniche, per una lunga serie di motivi tra le quali:

  • Globalizzazione,
  • Preparazione di Nuova Religione Mondiale
  • Preparazione di un background mentale atto ad accettare in futuro la falsa invasione aliena che starebbero progettando.

L’interrogativo che l’articolo ci pone è se il rilascio delle teorie/informazioni riguardo gli Antichi Astronauti siano a sostegno della cospirazione ordita dal Player C a fini messianici in vista dell’apoteosi della realizzazione apocalittica del NWO.

Nella prima decade di questo secolo è rifiorita – prima sul web, poi in televisione ed infine sul grande schermo – la suggestiva ipotesi che in un remoto passato abbiano avuto luogo ingerenze ‘aliene’, sia sulla creazione che sul processo di civilizzazione della nostra specie.

Il Fatidico 1968

Come vedremo più avanti il concetto è piuttosto antico, tuttavia inizieremo la nostra ricerca nel mezzo della storia, cioè nel 1968, perché fu quello l’anno in cui il tema degli Antichi Alieni dilagò nella cultura di massa, grazie soprattutto al successo editoriale riscosso da Chariots of the Gods? Unsolved Mysteries of the Past (Carri degli Dei? – n.d.r.) dello svizzero Erich von Däniken. Le teorie illustrate nel bestseller di von Däniken attirarono l’attenzione di teologi, scienziati e comuni appassionati di tutto il mondo, sollevarono molte polemiche e nel 1970 ispirarono il documentario Gli Extraterrestri Torneranno, nominato all’Oscar nella relativa categoria.

Le principali argomentazioni addotte da von Däniken a supporto della teoria secondo cui in un’epoca remota l’umanità sia entrata in contatto con una civiltà aliena, sono le seguenti:

1 – Antichissimi manufatti e reperti archeologici la cui complessità implicherebbe che i costruttori possedessero cognizioni tecnologiche molto più avanzate rispetto al livello che si presume esistesse all’epoca della costruzione. Von Däniken sostiene che questi manufatti siano stati prodotti sia da visitatori alieni che da esseri umani istruiti dagli alieni con nozioni di alta tecnologia. Grandi siti come le piramidi egizie, Stonehenge e le linee di Nazca e manufatti sconcertanti come la mappa medievale di Piri Reis.

2 – Interpretazione pseudo-scientifica di opere d’arte antica raffiguranti strani oggetti simili a velivoli e tecnologie complesse, e strani personaggi simili ad astronauti. Elementi ricorrenti in opere d’arte antiche appartenenti a culture mai entrate in contatto.

3 – Rilettura in ottica pseudo-scientifica della genesi delle religioni, in base alla quale tutti gli antichi culti e religioni sarebbero sorti come conseguenza dell’interazione umana con antichi visitatori alieni. Secondo von Däniken, gli esseri umani percepirono come sovrannaturali le tecnologie aliene, finendo per deificare gli alieni. Asserisce che le tradizioni orali e scritte di molti antichi culti e religioni (incluso il Vecchio Testamento, ultimamente reinterpretato da Mauro Biglino) contengano riferimenti a visitatori provenienti dalle stelle e a velivoli capaci di viaggiare nello spazio. Immagini da interpretarsi in senso letterale – a suo dire – ma che le traduzioni e gli insabbiamenti nel corso dei secoli avrebbero trasformato in ‘allegorie.’

In realtà il libro di von Däniken – benché fosse ottimamente articolato e facilmente fruibile – non fu la prima fonte editoriale ad introdurre l’idea che in un remotissimo passato la Terra sia stata visitata da entità aliene. Così come von Däniken non fu il primo ricercatore a ipotizzare che il cammino della nostra specie possa essere stato in qualche modo segnato profondamente dalla interazione con tali ipotetiche entità. Nel primo caso l’autore svizzero fu preceduto di almeno un decennio dai pionieri della paleoufologia (o clipeologia) di cui fu insigne esponente il ricercatore modenese Peter Kolosimo (aka Pier Domenico Colosimo) autore di Non è Terrestre, saggio sugli Antichi Alieni uscito anch’esso proprio nel 1968. Nel secondo caso la teoria di von Däniken – come vedremo – arrivò in ritardo di un’ottantina d’anni.

Una di quelle strane ‘concordanze’ da cui spesso scaturiscono nella ‘massima casualità’ mode e luoghi comuni volle che proprio nel fatidico 1968 – lo stesso anno in cui il libro di von Däniken diventò un fenomeno editoriale di risonanza mondiale – uscisse un film destinato a diventare un fenomeno cinematografico di risonanza mondiale: quel 2001: Odissea nello Spazio, di Stanley Kubrick, la cui trama sembrò fare da perfetto contrappunto artistico alle teorie di von Däniken.

“La prima parte del film si svolge nell’Africa di quattro milioni di anni fa: un gruppo di ominidi sopravvive a fatica in un ambiente arido e ostile. Un giorno davanti alla loro grotta appare misteriosamente un grande monolito nero; gli ominidi, venendovi a contatto, imparano a usare strumenti per cacciare e difendere il territorio uccidendo i nemici.”

La coincidenza che vide due opere destinate al grande pubblico trattare lo stesso tema ‘inedito’, nello stesso anno, e diventare entrambe fenomeni culturali di livello globale non può non far pensare. Infatti potrebbe spiegare come mai Chariots of the Gods? benché non trattando alcun concetto originale ma limitandosi a rendere appetibili al grande pubblico una serie di teorie fino ad allora estranee al circuito culturale mainstream, riscosse un così vasto successo.

A mio parere furono determinanti due fattori: l’abilità divulgativa dell’autore, ed il fatto che ai piani alti si fosse programmato che da quell’anno il tema della paleoufologia dovesse valicare i ristretti confini specialistici dei circoli ‘pseudo-scientifici’ e occultistici per raggiungere un target di popolazione quanto più possibile vasto ed eterogeneo. Insomma, come spesso accade in simili casi von Däniken potrebbe essere stato l’autore giusto, con il libro giusto, al momento giusto.

1 Il Messia Alieno del NWO e la Teoria degli Antichi Astronauti

Precursori storici

Nel 1959 – nove anni prima della pubblicazione di Chariots of the Gods? – l’italiano Umberto Corazzi coniò il termine clipeologia, dal latino ‘clypeus’, in riferimento agli avvistamenti di ‘clypei ardentes’ (scudi di fuoco) narrati da diversi autori latini quali Plinio il Vecchio, Tito Livio e Giulio Ossequente.

Circa 37 anni prima che Corazzi inaugurasse la nuova branca ufologica, nella cittadina di Providence (Rhode Island) lo scrittore Howard Phillips Lovecraft iniziò a scrivere la serie di storie poi denominata Ciclo di Cthulhu. I racconti visionari di Lovecraft traghettarono la letteratura fantastica dall’Ottocento al Novecento, miscelando con coerenza e genialità diversi elementi narrativi apparentemente incompatibili quali le atmosfere gotiche di Edgar Allan Poe, i miti mesopotamici, l’occultismo massonico e la fantascienza degli ‘invasori alieni’ del massone H. G. Wells in un unico e irripetibile genere letterario.

MI HA RIVELATO CHE ADORANO I GRANDI ANTICHI, I QUALI VISSERO MOLTI SECOLI PRIMA DELLA COMPARSA DEGLI UOMINI, E CHE GIUNSERO DAL CIELO AI PRIMORDI DEL MONDO. TALI ANTICHI OGGI SONO SPROFONDATI DENTRO LA TERRA E SOTTO IL MARE, MA I LORO CORPI MORTI COMUNICARONO I LORO SEGRETI AL PRIMO UOMO, IL QUALE FU INCARICATO DI FONDARE UN CULTO CHE NON MORISSE MAI.

Il nostro è quel culto. Esso è sempre esistito e sempre esisterà, nascosto nelle lande lontane e nei luoghi oscuri del mondo fino al momento in cui il Grande Sacerdote Cthulhu, dalla sua casa buia nella potente città inabissata di R’lyeh, risorgerà a dominare la Terra. Un giorno Esso chiamerà, quando le stelle saranno pronte, ed il culto sarà pronto a liberarlo. Nel frattempo, niente altro deve essere detto. Esiste un segreto che nemmeno la peggiore tortura sarebbe in grado di estorcere.

L’umanità non è del tutto sola tra le cose coscienti della Terra; qualcosa è uscita dal buio per visitare i pochi fedeli. Ma non si tratta dei Grandi Antichi. Nessun uomo ha mai veduto gli Antichi.

Il simbolo intagliato raffigurava il grande Cthulhu, ma nessuno sa se gli altri Antichi siano fatti nello stesso modo. Nessuno è in grado di decifrare la antica incisione, tuttavia le cose sono state tramandate oralmente. Il rituale cantato non era il segreto, il quale non fu mai affermato, ma solo bisbigliato.”

Il rituale cantato diceva quanto segue:

“Nella sua casa di R’lyeh, il defunto Cthulhu attende sognando.” – Il Richiamo di Cthulhu (The Call of Cthulhu, 1926)

Sette anni prima che Lovecraft pubblicasse Il Richiamo di Cthulhu – nel 1919 – il celebre indagatore del mistero ante litteram Charles Fort scrisse Il Libro dei Dannati, in cui ipotizzò che le storie di demoni che popolavano i racconti di molte antiche tradizioni orali di popoli mai entrati in contatto fossero collegate a “visitatori indesiderati provenienti da altri mondi”, suggerendo che civiltà aliene potrebbero avere interagito con la specie umana in un lontano passato e lasciato sulla Terra alcune tecnologie avanzate.

Circa 31 anni prima che Fort pubblicasse Il Libro dei Dannati, Helena Blavatsky, fondatrice della dottrina Teosofica, scrisse il testo La Dottrina Segreta, in cui analizzando le antiche speculazioni lasciate in eredità dall’ellenismo classico riguardo la vita extraterrestre, asserì che gli antichi esseri umani siano entrati in contatto con una civiltà extraterrestre. Aggiunse che tali esseri alieni eserciterebbero innumerevoli forme di ‘influenza’ o ‘controllo’ sulla Terra e i suoi abitanti, e che avrebbero contribuito allo sviluppo evolutivo della vita terrestre.

La retrospettiva potrebbe proseguire fino ad oltre 2000 anni prima, quando si diffuse la dottrina gnostica con il suo mito degli arconti, o a 3000 anni prima, con i veda induisti ed i loro riferimenti ai vimana, mitici mezzi di trasporto capaci di volare nello spazio e nuotare nelle acque.

Da von Däniken ai Nostri Giorni.

Negli anni ’70 Chariots of the Gods? fu oggetto di numerose contestazioni, alcune delle quali espresse tramite nuove pubblicazioni scritte con l’esplicito intento di confutare le teorie di von Däniken. D’altro canto la teoria fu supportata da nuovi libri e ricercatori.

Nel 1972 Peter Kolosimo pubblicò il saggio Astronavi sulla Preistoria.

Nel 1976 il sumerologo azero Zecharia Sitchin pubblicò Il Pianeta degli Dei, saggio in cui affermò – in base ad una personale reinterpretazione di una serie di antichi testi religiosi tra cui il Vecchio Testamento – che esisterebbe un pianeta supplementare nel sistema solare, ignoto in quanto orbitante intorno ad una gigantesca ellissi che impiegherebbe 3.600 anni per completare una rotazione. Sitchin asserì che il nome del pianeta fosse Nibiru, e che i suoi abitatori avessero visitato la Terra mezzo milione di anni fa, incidendo sull’evoluzione della nostra specie. Secondo Sitchin i ‘visitatori’ sarebbero stati denominati Anunnaki dai sumeri e Nephilim dalla Bibbia.

Negli anni ’80 e ’90 la paleo-ufologia fu oscurata dal ritorno in voga degli ‘incontri ravvicinati’, che grazie ad opere di enorme successo quali E.T., Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, Guerre Stellari e Alien riportò nei salotti dissertazioni sui presunti contatti alieni aventi luogo nell’attualità; trend che già aveva spopolato negli anni ’50 e ’60 dopo il presunto ufo crash di Roswell, anche grazie alla cinematografia di ‘serie B’ e alla serie tv Star Trek. Il tema si arricchì di nuove variazioni di stampo complottista, che anni dopo grazie al ricercatore Michael Salla sarebbero state raggruppate sotto il nome di ‘eso-politica.’

La paleo-ufologia tuttavia sopravvisse in una nicchia dietro la cortina del generale calo di interesse.

Nel 1980 Sitchin pubblicò il suo secondo testo: Le Astronavi del Sinai, in cui analizzò gli antichi miti sul dono dell’immortalità, a suo giudizio memorie ancestrali di un luogo dal quale si accedeva alle astronavi o perfino al pianeta degli alieni che colonizzarono la Terra in epoca ante-diluviana.

Ancora Sitchin nel 1985, con Guerre Atomiche al Tempo degli Dei avanzò una teoria destinata a lasciare il segno, dato che ad un trentennio dalla pubblicazione è ancora oggetto di esami e dibattiti.

“Fu proprio con le guerre degli Dei che ebbero inizio le guerre dell’Uomo. Questo è un fatto, non una fantasia.” – Zecharia Sitchin

Secondo Sitchin:

I terribili episodi narrati anche dalla Genesi sono la memoria residua di feroci guerre che gli uomini furono indotti a combattere come pedine da esseri superiori giunti da lontano: gli Anunnaki di Nibiru, dodicesimo pianeta del Sistema Solare. (…) Oggi le foto dai satelliti mostrano chiaramente le tracce di quelle esplosioni e la zona è coperta di nerissime ceneri laviche. Ma nel Sinai non ci sono mai stati vulcani.

Fonte

http://www.progettoatlanticus.net/2015/03/il-messia-alieno-del-nwo-e-la-teoria.html

Subscribe to our newsletter
Subscribe to our newsletter
Sign up here to get the latest news, updates and special offers delivered directly to your inbox.
You can unsubscribe at any time
Comments
EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsEspañol
Inline
Inline