Non conosciamo le nostre origini

Progetto Pegasus. Quando si tentò di creare una prima generazione di crononauti

39

Progetto Pegasus. Quando si tentò di creare una prima generazione di crononauti

Andrew D. Basiago è stato il fondatore e presidente della Società per lo studio delle Anomalie di #Marte, il cui lavoro si è concentrato nella divulgazione al grande pubblico della possibile esistenza di alternative forme di #vita e questioni pertinenti il nuovo diritto internazionale e la politica legata alla diplomazia #extraterrestre.

Secondo la testimonianza di Basiago, nel 1967 il governo americano aveva sviluppato delle tecnologie atte a perfezionare il teletrasporto sul pianeta rosso. Dal 1969 al 1970 i ricercatori statunitensi avevano già iniziato a formare del personale destinato a far parte della prima generazione di viaggiatori in grado di violare le limitazioni fisiche imposte dallo spazio-tempo.

Inoltre Andrew D. Basiago, in passato avrebbe partecipato in gran segreto a una serie di esperimenti per conto dell’agenzia DARPA (Agenzia per i progetti di ricerca avanzata).
In un’intervista di sei ore, pubblicata il 31 agosto 2009, Basiago ha raccontato la sua esperienza vissuta durante il segreto progetto Pegasus sviluppato tra il 1969 e il 1972.

Egli ha descritto i risultati ottenuti dai suoi studi inerenti alcuni eventi sperimentati a ritroso nel tempo ma soprattutto le esperienze vissute durante i suoi viaggi nel futuro portati a termine attraverso il teletrasporto perfezionato in gran segreto dal governo degli Stati Uniti.

Queste affermazioni indipendentemente da come le si vogliono interpretare forniscono la prova dell’esistenza di una civiltà intelligente che secondo alcune indiscrezioni si nasconderebbe sotto la superficie di Marte i cui rappresentanti parteciperebbero attivamente allo sviluppo di avanzati programmi condotti segretamente da vari dipartimenti del governo degli Stati Uniti, inclusa la CIA. È difficile determinare l’autenticità di tali affermazioni che qualora risultassero veritiere potrebbero spiegare i sempre più numerosi avvistamenti UFO.

Subscribe to our newsletter
Subscribe to our newsletter
Sign up here to get the latest news, updates and special offers delivered directly to your inbox.
You can unsubscribe at any time
Comments
EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsEspañol
Inline
Inline